QGIS VS CLI : Scaricare dati da una sorgente WCS

In questo post metto a confronto il software GIS desktop QGIS e la CLI (Command Line Interface – riga di comando) per scaricare dei dati raster dal servizio WCS: dato sorgente il “MDT (Modello Digitale del Terreno) — Volo anno 2012–2013 ETRS89 — scala 1:10000” della Regione Siciliana.

Scarichiamo stessa area 41 kmq circa, DTM 2 x 2 m/px.

In QGIS 3.0:

  • Individuare l’area di interesse e fare zoom estensione (utilizzando EPSG supportati dal servizio WCS);
  • configurare il pannello dei servizi WCS;
  • connettersi al servizio configurato;
  • aggiungere il layer WCS alla mappa;
  • aspettare il download (circa 1′:20″);
  • salvare la porzione di interesse nello stesso EPSG utilizzato per il download (fase più costosa in termini di tempo 5′:10″) altrimenti impiegherebbe molto di più;
  • salvare il raster precedente con EPSG 3004;
  • dall’inizio della procedura son passati circa: 7′ (sette minuti)

Usando la CLI e la libreria GDAL (qui articolo di Andrea Borruso):

  • come CLI usiamo Bash di Ubuntu 16.04 per Windows 10; (stesso tempo per installare QGIS)
  • installiamo la libreria GDAL/OGR: (pochi secondi)
    sudo apt-get update
    sudo apt-get install gdal-bin
    sudo apt install libgdal-dev
  • file XML con questa struttura (ServiceURL è l’URL del servizio), basta un copia incolla:
    <WCS_GDAL>
     <ServiceURL>http://map.sitr.regione.sicilia.it/gis/services/DEM/MDT_2012_2013/MapServer/WCSServer?</ServiceURL>
      <CoverageName>1</CoverageName>
    </WCS_GDAL>
  • Il comando da usare, dopo aver determinato i valori min e max e outsize: (questo dipende dall’operatore)
    gdal_translate -projwin_srs EPSG:3004 -projwin 2461050 4161522 2468450 4155922 -outsize 2800 3700 input.xml output.tif
  • dal momento del lancio dello script son passati circa 2′:30″ (meno di tre minuti)Immagine 16

ecco il DTM scaricato:

Immagine 18
QGIS per visualizzare il DTM scaricato

NOTE FINALI: non vi è dubbio che la riga di comando batte ogni altra procedura ed è possibile fare tante altre cose ( è insuperabile se devi scrivere qualcosa di “programmatico”: date 10 zone, eseguire il download in batch, ecc.  cit. A. Borruso)

Unico punto debole della CLI: occorre più impegno nello studio rispetto all’uso dei software GIS Desktop)


 

W QGIS e GDAL – QGIS fa largo uso delle librerie GDAL/OGR.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...