QGIS 3.0 LOCATOR BAR (Ctrl+K)

Una delle feature che più mi ha sorpreso in Girona è la Locator bar che permette di ricercare/localizzare, all’interno di un progetto QGIS e non solo, quasi tutto. La locator bar è posta nella barra di stato, in basso a sinistra, e si attiva con la combinazione di tasti ctrl+k.

Immagine 2
Barra di stato – locator bar – ctrl+k

All’interno della casella di ricerca è possibile digitare qualsiasi parola, ma per contestualizzarla esistono dei filtri studiati appositamente che velocizzano la ricerca, cioè esistono dei filtri per le azioni (.), gli algoritmi di processing (a), le proprietà layer attivo (f), il layer del progetto (l), l’impaginazione del progetto (pl) (compositore di stampe): questi filtri vanno digitati prima della parola da ricercare e separati da uno spazio; es: . salva invio, salva il progetto:

Immagine 1
locator bar

quindi, grazie ai filtri, è possibile ricercare solo azioni (con il punto); solo algoritmi (con la a ) e cosi via.

I filtri possono essere abilitati o disabilitati e in alcuni casi configurati da Impostazioni | opzioni | Posizione

Immagine 2
Localizzatore filtri

Analizziamo il filtro azione, cioè il . :

. salva: salva il progetto corrente;

. apri: apre un progetto;

. pdf : salva mappa come PDF;

. browser : attiva o disattiva il pannello browser;

. aggiorna : aggiorna la map canvas;

. calc : avvia calcolatore raster;

. satellite : carica la mappa di sfondo google satellite (occorre avere installato OL plugin);

filtro a (algoritmi di processing):

a buffer:

Immagine 3

a merge:

Immagine 44

filtro l ( layer del progetto):

per utilizzare questo filtro occorre che siano caricati dei layer nella TOC (layer panel)

l  (l spazio)

Immagine 5

scrivendo l apparirà l’elenco di tutti i layer nella toc, per renderne uno attivo basta selezionare con il mouse oppure scrivere il nome del layer ed invio;

filtro f (proprietà del layer attivo)

questo filtro va funziona dopo aver utilizzato il filtro l per attivare un layer (oppure attivarlo manualmente con il mouse – attiviamo il layer comuni_g):

f Palermo:

digitando f Palermo ed invio, verrà fatto lo zoom alla selezione:

Immagine 6
f Palermo -invio

in pratica il filtro cerca la parola digitata all’interno della tabella attributi del layer attivo.

filtro pl (compositore di stampe):

digitando pl e spazio comparirà l’elenco di tutti i layout creati e quindi la possibilità di aprirne uno.

Il locator bar funziona bene anche senza l’uso dei filtri con la conseguenza che cerca in tutti in tutte le categorie: azioni, algoritmi, layer ecc….

Infine, il locator bar è stato ideato da Nyall con la possibilità di aggiungere filtri tramite plugin, un esempio è il plugin qgisLocator (da installare come zip) un custom locator per il geocoding online, in pratica verranno aggiunti altri tre filtri con cui fare ricerche online di luoghi:

filtro osm (Nominatim Geocoder):

se digitassimo osm Roma, RM:

Immagine 7
filtro osm – geocoder

cioè è possibile spostare e centrare la mappa in qualunque luogo del mondo: provate a aprire QGIS, caricate solo una mappa di sfondo, ctrl+k | osm Pisa, PI, Tuscany | invio, ecco il risultato:

Immagine 1
ctrl+k | osm Pisa, PI, Tuscany | invio

 

qgis3

non ci resta che fare prove su prove per scoprire altre magie (segnalatele nei commenti!).

Immaginate di usare il filtro osm con base map il WMS del Catasto (e non dico altro)!!!

 

PS: nella prossima versione 3.2 (giu/lug 2018) hanno aggiunto il filtro per la ricerca di segnaposti spaziali, e la calcolatrice!!! 😉

video demo:

 

Buon divertimento!!!

Annunci

9 pensieri su “QGIS 3.0 LOCATOR BAR (Ctrl+K)

  1. Bellissimo articolo!!

    Similmente ho creato un layer unico in Spatialite con spatial index, fondendo 400 shp ca scaricati dal portale geocartografico di tutte le particelle catastali di tutti i comuni catastali (nel mio caso 1.700.000 poligoni ca del TN).
    Devo ancora capire bene come zommare correttamente in Qgis3 con “Locator Bar” perchè oltre al n° della particella, bisogna specificare anche il codice numerico del comune catastale di appartenenza.
    Invece con Qgis2.x uso il plugin Quickfinder con il quale ho creato un indice (da opzioni del plugin stesso, creando un db *.qfts) del catasto provinciale, nella barra di ricerca scrivo il nr della p.ed. separando con uno spazio il cod_cc (es: “3997/2 307”) e lavora a meraviglia con tanto di evidenziazione del contorno (con una linea gialla non stampabile).
    Ecco perchè sento tanto la mancanza del plugin Quickfinder in Qgis3.

    Piace a 1 persona

    1. Ciao,
      come scritto nell’articolo, il locator è miglirabile tramite plugin, chissà se qualcuno realizzerà ul plugin simile a quick finder per il locator?

      infine, hai provato ad usare il tasto funzione F3?

      Mi piace

  2. Certamente si può usare anche il tasto F3 o seleziona per espressione e zoom.
    (Piccoli passi in più)
    Grazie 🙂

    Per avere una panoramica globale degli indirizzi osm, dato che sono talvolta composti da più polilinee,
    ho scaricato “nord-est-latest-free.shp.zip”, layer “gis.osm_roads_free_1.shp” e generato uno shp con Dissolve per campo “name” in modo da ottenere un layer Multilinestring per indirizzo univoco.
    Una comodità!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...