Qfield: app Android di QGIS

Nell’era degli smartphone e Tablet non poteva non esistere una app dedicata al mondo GIS ed in particolare al software Open Source QGIS.

Qfield è una app Android (5,6) che nasconde sotto il cofano tutta la potenza di QGIS e la facilità d’uso di un tablet; lo schermo è più piccolo, i dispositivi di input e i compiti sono diversi quindi i requisiti dell’uso ‘in campo‘ sono diversi da un desktop.

QField ha lo scopo di aiutare l’utente a svolgere i compiti che deve fare senza ingombrare l’interfaccia utente. Ciò significa che nell’interfaccia sono disponibili soltanto gli strumenti necessari per i rilievi in campo, tutto il resto non è visibile, ma c’è; ciò significa che il progetto QGIS con tutti i layer, tematizzazioni , etichettature, moduli di inserimento dati e altro devono essere realizzati su un PC desktop e successivamente caricati nel tablet.

Qfield è un app Android quindi si installa come una normale app scaricata da Google Play:

immagine-2
Google Play

subito dopo l’installazione troverete nel vostro tablet una nuova icona:

immagine-3
app Qfied

Documentazione ufficiale la trovate qui.

Come detto sopra, l’intero progetto QGIS deve essere realizzato su un PC desktop facendo attenzione a configurare le proprietà del suddetto con salva percorsi ‘relativo’:

immagine-4
proprietà progetto QGIS – salva percorsi – relativo

quindi create una cartella ‘nome_cartella’ nel desktop e salvate in questo percorso il file .qgs;  caricate ogni dato all’interno della cartella, anche di sottocartelle; poi copiate l’intera cartella ‘nome_cartella’ nel tablet, due possibili percorsi:

  1. nella SD interna; sdcard > Android > data > ch.opengis.qfield > files > share;
  2. nella SD esterna: Android > data > ch.opengis.qfield > files

 

screenshot_20161220-165307
Archivio SD esterna

in questo caso la mia cartella è ‘molazzana‘:

screenshot_20161220-165535
mia cartella di lavoro

in questa cartella noterete due file .qgs:

  1. prog_tablet.qgs che è collegato al db_molazzana.sqlite;
  2. PROGETTO_dxf.qgs che lavora con più cartelle:
    1. foto: contiene delle foto visibili in Qfield;
    2. ctr_qfield: contiene una serie di raster;
    3. ctr2k: contiene altri raster a 2k;
    4. SHP: shapefile utilizzate nel progetto;
    5. DCIM: cartella che crea qfiel quando realizzate le foto con il tablet.
immagine-5
progetto realizzato in QGIS
screenshot_20161220-170921
progetto aperto in Qfield

NB: Qfield ha lo stesso motore di QGIS quindi ogni cosa definita in QGIS verrà adottata anche da Qfield: temi, etichette, moduli inserimento, map theme, informazioni sul vettore (interrogabile, ready only), ecc…

video demo:

 

dati e progetto (da copiare nella SD esterna: Android > data > ch.opengis.qfield > files)

 

Annunci

18 pensieri su “Qfield: app Android di QGIS

  1. Grazie Salvatore. Molto interessante! Che cosa mi dici riguardo al sistema di riferimento? Il progetto creato in QGIS deve essere realizzato nel sistema di riferimento del GPS che poi andrò ad utilizzare sul tablet, oppure vale la riproiezione al volo anche su Qfield?

    Mi piace

    1. Ciao Maurizio,
      nell’articolo ho messo dati e progetto, se hai la possibilità di aprirlo vedrai che è tutto in EPSG 3003.
      Rispondendo alla tua domanda: Qfield monta lo stesso motore di QGIS, quindi funziona anche OTF!!!
      Ho gia fatto alcuni rilievi e funziona benissimo!!!

      Mi piace

  2. Ciao Totò…
    mi sono cimentato in alcune prove di progetti QGIS di layers vettoriali su Qfield.
    Forse sono io che faccio pasticci con la creazione delle viste, però non riesco a gestire bene il Map Theme e comunque non ho ancora ben chiaro se gestisce allo stesso modo layers raster o WMS.
    Mi puoi dire qualcosa in proposito?
    Grazie 😉

    Mi piace

    1. Ciao Maurizio,
      uso giornalmente le viste create in QGIS e poi caricate in Qfield, non vi è differenza tra i layer (vettoriali, raster o WMS) e le viste funzionano bene.
      Come ho scritto nell’articolo, e ti assicuro che NON esagero, Qfield funziona perfettamente come QGIS, quindi se crei delle viste in QGIS le ritroverai in Qfield.

      Mi piace

      1. Ok Totò grazie. Effettivamente avevo fatto dei pasticci con le viste. L’elenco delle viste create è a tutti gli effetti il Map Theme che poi trovi in QField.
        E’ che all’inizio ero legato all’idea che QField in modalità visualizzazione leggesse la struttura dei layer presente in TOC.
        Approfitto e ti faccio un altro quesito (fermo restando che appena ritorni in Sicilia Caffè e Cannolo pagato a Mazara ;-))
        Nel mio progetto QGIS ho un ECW, però quando lo sposto in QField ottengo questo messaggio: https://drive.google.com/file/d/0B5m0Kt8KZryAdm1vbUpUY0JQWFk/view?usp=sharing
        Da cosa dipende secondo te?

        Mi piace

    1. Il solito problema della licenza…. mmm… ok. Pensavo, dato che in QGIS il problema era stato risolto, anche in QField si potesse usare un ECW.
      A questo punto conviene forse convertire il raster in .gpkg. In campagna non sempre hai possibilità di utilizzare un layer WMS.
      Grazie Totò… a risentirci… 😉

      Liked by 1 persona

  3. Ciao,
    innnanzitutto ancora grazie per le tue dritte….sono un apple dipendente ma
    ho acquistato un tablet android… da poco… solo per utilizzare geopaparazzi e non da ultimo qfield…
    dovrei iniziare un rilievo ed ero indeciso quale dei due utilizzare…
    sinceramente mi sembrerebbe meglio qfield ma non riesco a visualizzare le foto.. ho provato a caricare il tuo progetto di prova per verificare che le impostazioni fossero corrette e lo sono.
    Su qfield però non le vedo (quelle presenti) e quando faccio una nuova foto, non va in crash, ma esce dalla modalità digitilizzazione…
    non riesco a toglierci le gambe… puoi darmi una mano?
    (qgis 2.14 android 5.1)
    grazie
    saluti
    Carlo

    Mi piace

    1. Qfield dovrebbe funzionare anche con Android 5, ma io uso Android 6 e tutto funziona alla grande.
      Il tu stesso problema lo ha riscontrato una mia amica che usa Android 5.
      QUindi ti consiglio di passare ad Android 6.
      ciao

      Mi piace

      1. Ok.. grazie
        ma non conosco ancora il sistema… posso aggiornare il tablet con il 6?… quando chiedo gli aggiornamenti mi dice tutto aggiornato
        ciao

        Mi piace

      2. … nuovo lo è!… non ho forse fatto caso a dettagli importanti…!??!

        ho visto geopaparazzi.. qfield… su android…li volevo!

        … ma! vedrò di chiedere lumi ad un collega android…iano!

        comunque gentilissimo, come sempre.
        ciao
        Carlo

        https://www.amazon.it/gp/r.html?C=2B97OIWAZEIT6&K=A1TS8EMNXX0VV6&R=2ZUBMCT6KHR2X&T=C&U=http%3A%2F%2Fwww.amazon.it%2Fdp%2FB01N2JIZ8P%2Fref%3Dpe_386201_41597321_TE_item&A=8RFYAPT23RMTOBAHAPVVRZEQHRYA&H=8N7MA3AAMSTCLDKX3R91MM69NKOA&ref_=pe_386201_41597321_TE_item

        Mi piace

      3. Ciao,
        per onor di cronaca… non ho risolto del tutto, nel senso che non riesco a salvare le foto e vederle nel visualizzatore… ho installato alcune app per fotocamera… e camera fx (versione free) mantiene il punto e mi permette di salvare… anche se non salva il link (forse la versione pro che ammette di stabilire il percorso)… magari trovo un’altra soluzione..
        se la tua amica avesse ancora il problema potrebbe verificare…
        ah.. ultima cosa … il mio collega mi dice che secondo lui diventa complicata… meglio non rischiare..
        ciao
        Carlo

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...